Creativa è la classe

Corteggiatissima, la classe creativa ogni tanto alza la testa. Non per vanità – credo che i proclami di W. Veltroni (si veda il pamphlet “Un piano per sostenere la classe creativa” pubblicato sul Sole 24 Ore, in luglio, e il commento di Alberto Abruzzese) o i siti vetrina dell’Ulivo non abbiano sortito effetti di rilievo – ma per necessità. Per prendere aria.

Molte risposte parziali al perché questo sia necessario, almeno per il mondo della ricerca, si trovano raccontate scientificamente in Intelligenze Fuggitive (a cura di Gigi Roggero), testo neppure troppo datato. Senza complicare troppo la questione :-) c’è anche un livello più banale ed è quello dell’organizzazione e dell’esercizio libero del proprio lavoro e della tutela dei propri diritti.

Primo Congresso Freelance 2007 - ADCI

Temi che ieri hanno raccolto nell’Aula Magna del NABA – Nuova Accademia delle Belle Arti di Milano oltre 250 creativi indipendenti che nell’epoca della “manodopera intellettuale a basso costo” rischiano di farsi travolgere dallo shopping sfrenato di idee che l’impresa markettara di oggi tritura senza sosta.

[Illustrazione di Lucilla Lanzoni, art director milanese]

Su JOBtalk ho riportato alcuni spunti emersi durante il “Primo Congresso dei Freelance 2007” (qui vi lascio una versione estesa dell’articolo in formato .PDF).

Il problema è il solito: acquisire una posizione competitiva come lavoratori autonomi. Sul fronte dell’innovazione i creativi non hanno nulla da imparare. Si auto organizzano, eliminando perfino barriere fisiche e uffici. Si veda il bel servizio [che mi ha segnalato Anna, grazie!] riportato su D-Web sulla nuova famiglia di “Digital Bohème”, (alle pagine 130-1, 132-3 e 134 del numero 566 del Magazine). Ma la questione della tutela della professione è molto diversa. L’Art Directors Club Italiano ha deciso di promuovere per loro una nuova associazione che supporti il lavoro dei freelance attivi nel segmento della creatività (moda, design, pubblicità). Sul blog BolleBlu e su quello di ADCI si possono trovare maggiori dettagli e seguirne le evoluzioni.

[Last but not least. Segnalo agli appassionati del tema “freelance” due bellissime ricerche appena pubblicate nel Regno Unito sulla consistenza del business generato dai creativi di Londra e sul salario e le condizioni dei “solo workers”, i lavoratori autonomi. I due studi (in .PDF) sono “London’s Creative Sector: 2007” e “Freelance and Interim Salary & Benefits Survey“, quest’ultimo una vera chicca per capire le retribuzioni in UK, recruiting, longevità e motivazioni dei freelance. Fonte Web: qui]

Creative CampP.S. Stavo quasi dimenticando. A chi interessa [a me no, per esempio], e di tutt’altro genere, sabato 6 ott. si tiene l’ennesimo camp. Questa volta Creativo.

Ultima modifica: 2007-10-04T22:51:27+02:00 Autore: Dario Banfi

5 commenti su “Creativa è la classe”

  1. Buonasera, intervengo semplicemente per dire a coloro che non sono esperti di ricerca sociale (sociologica ma non solo) e che magari non conoscono i retroscena del CreativeGroupEurope, che questa équipe è stata a dir poco deludente da un punto di vista professionale e ha prodotto un copia-incolla e un’analisi superficiale del più degno “laureando CEPU”.
    Le opinioni di veltroni e del PD espresse su quell’articolo nel Sole non possono che essere condivisibili, ma il carburante-ricerca proposto non è stato all’altezza.

    costo per il comune di Roma: 15000 euro per ricercatori non italiani, e nemmeno europei !!!! budget bassissimo, ma costi vivi di ricerca pari ai biglietti aerei per vendere la ricerca e presentare i dati…

    Rispondi
  2. Grazie Giulio, il retroscena è triste. Sempre più si investe su soluzioni che servono a tamponare le difficoltà in termini di comunicazione invece di comprendere esattamente i fenomeni e attuare progetti di medio o lungo termine. Nella ricerca, nell’impresa, nella politica. Anch’io quando ho letto il pezzo di Veltroni i primi cinque minuti sono rimasto piacevolmente sorpreso. Poi mi sono detto: “Beh, staremo a vedere..”. Poi mi sono accorto che questo è l’atteggiamento tipico del perfetto elettore che risponde all’imbonitore. E’ sempre meglio sapere che cosa sta dietro a proclami e analisi. Perché voi di Sa-la – che siete certamente attenti e vedete il backstage di queste piccole manovre – non scrivete un post sulla vicenda?

    Rispondi
  3. Con un po’ di ritardo, colgo la proposta di Dario:

    >Perché voi di Sa-la – che siete certamente attenti e vedete il backstage di queste piccole manovre – non scrivete un post sulla vicenda?

    E ti rispondo: perché noi di sa-la dovremmo inimicarci il buon Walter?

    ….

    Rispondi

Lascia un commento

Attenzione: non si fornisce consulenza business (a gratis)!
P.S. Non ci provare: il tuo commento finirebbe nel cestino :-)