3 commenti su “Strip conference, denudate dei propri diritti”

  1. Chissà dopo questo a cosa ci si sentirà pronti ad arrivare pur di raggiungere l’attenzione dei media di fronte ai propri diritti (diritti??? … uhm …) … le vedremo magari girare un film hard per finanziarie il loro lavoro flessibile … ma allora sarebbero attrici hard – e quindi oneste lavoratrice e libere professioniste.

    Gente che si da fare quindi … purtroppo nel modo sbagliato: pretendere, arrogarsi, protestare, scioperare, ora anche denudarsi …

    Non è qui il futuro – e neppure il presente – di un’Italia che funziona.

    Rispondi
  2. Onestamente credo un po’ esagerato questo rilievo. In primis sarebbe opportuno capire perché hanno deciso di arrivare a questo punto. Per quanto io sia sprovveduto vedo comunque più una carica fortemente simbolica nella nudità di queste persone che una spettacolarizzazione del proprio disagio.

    Rispondi
  3. Hai in parte ragione: il loro obiettivo non è la spettacolarizzazione ne siamo anche noi certi, ma ciò che raggiungono alla fine è solo questo a conti fatti, perchè questo ai media interessa.

    Non il loro problema, ma avere audience e introiti pubblicitari dalla loro nudità.

    :-)

    Rispondi

Lascia un commento

Attenzione: non si fornisce consulenza business (a gratis)!
P.S. Non ci provare: il tuo commento finirebbe nel cestino :-)