Accorgimenti anticrisi per freelance

Come è noto, se non siete lavoratori dipendenti nessuno vi offre supporto economico di alcun genere e spesso neppure consigli. Da Small Business Trends (da leggere anche i numerosi commenti..) arriva, al contrario, qualche suggerimento concreto per non incappare nella crisi più nera. Utili se siete lavoratori autonomi, freelance e piccoli imprenditori.

In questa rapida traduzione, leggermente adattata e sintetizzata, ecco qualche idea su come mettere a registro le vostre attività:

  • Guarda al tuo sito Web, ai prodotti e servizi offerti con gli occhi di un potenziale nuovo cliente. Magari fai un test informale con persone che non conosci, visto che sei troppo coinvolto nei tuoi progetti;
  • Cerca di comprendere quali decisioni siano veramente dovute ad “atteggiamenti” e quali siano più utili per migliorare la vita ai tuoi clienti o produrre ricavi. Non c’è nulla di cui vergognarsi nell’avere una personalità forte, ma è meglio scegliere ciò che produce gli effetti più durevoli;
  • Diminuisci l’attenzione verso quelle attività che ti ostini a volere svolgere da solo perché sai di poterle fare più velocemente e al meglio se non sono direttamente produttive. Magari delega (se puoi), oppure stabilisci una giusta priorità temporale;
  • Cerca di aumentare la tua visibilità nei social newtwork;

  • Identifica una persona che puà aiutarti ad aumentate l’esposizione e la visibilità della tua attività e che può essere motivata nell’aiutarti: spendi il tuo tempo migliore nella relazione con questa persona;
  • Seleziona un elemento (anche di tipo numerico, tecnico, statistico) nel tuo business di cui sai poco e cerca di imparare qualcosa di più;
  • Cerca di trovare anche soltanto una cosa che faccia aumentare i tuoi ricavi dell’1%;
  • Raccogli 10 prove empiriche che giustifichino come mai i tuoi clienti ti abbiano pagato: poi impiega al meglio il tuo sito, la comunicazione, il materiale di marketing per attrarre nuovi clienti in relazione a questi elementi di valore;
  • Raccogli 10 prove empiriche che giustifichino come mai alcuni tuoi clienti non abbiano più acquistato da te servizi e  cerca di migliorare la tua offerta intorno a questi elementi di disvalore oppure eliminali;
  • Fai una sola cosa che dimostri al mondo che tu sei un grande esperto nel tuo campo. Cerca cioè di riacquistare la fiducia degli altri;
  • Identifica un evento salottiero, un compito inutile o altro che ti sottrae tempo ed eliminalo o demandalo ad altri, senza temere i costi perché a ogni modo ti si libera tempo per produrre di più e meglio;
  • Fai il punto delle tue finanze (= guarda il tuo conto bancario) e valuta se hai spazi di investimento per migliorare i tuoi ricavi;
  • Sposta più avanti lavori che non è necessario che vengano fatti proprio ora: pensa anche soltanto per un minuto alle tue priorità, azzerandole. quali attività hanno veramente ha bisogno di maggiore tempo?
  • Accetta di fare soltanto poche cose in base a regole precise più che per giustificati motivi. Servono certamente regole di base per vivere, ma se le cose peggiorano è giusto fare un passo indietro e cambiarle;
  • Identifica ciò che stai facendo più per un piano che per evidenti motivi e rivaluta il tuo modo di fare. Non c’è gloria nel seguire un business plan: fai invece ciò che è giusto in base alle informazioni di cui sei in possesso ora senza curarti di vuote pianificazioni;
  • Fai una mappa delle scelte che percepisci non essere buone: se una cosa appare pessima, probabilmente lo è. Fai ciò che è giusto più che ciò che genera soltanto maggiori ricavi. Nel lungo periodo questo tornerà a tuo favore;
  • Cambia la tua home page per mostrare in maniera più specifica quali attività svolgi per i tuoi clienti. Evita frasi generaliste e troppo confidenziali perché non conquistano la loro fiducia;
  • Dona ai tuoi clienti qualcosa di bello e interessante. Qualcosa collegato a un prodotto, un libro, o anche soltanto un articolo di interesse per loro. Mostra attenzione ai loro interessi secondari e non soltanto a quelli primari;
  • Fai un passo avanti cercando di renderti visibile nelle comunità collegate al tuo business sia in Rete sia offline. Come puoi essere parte di nuovi social network?
  • Prova a differenziarti dai tuoi concorrenti non soltanto cercando di “farli fuori”: rendere più chiara la nicchia in cui lavori è una strategia migliore di volere a tutti i costi vincere la competizione su ogni gara e su ogni punto delle gare;
  • Trova il modo di gratificare anche te stesso per il lavoro che hai svolto o il tuo team, se lavori insieme ad altri: il piacere di fare le cose rende tutto più facile;
  • Fai qualcosa per migliorare l’esperienza del tuo cliente sui tuoi prodotti/servizi anche dopo averli venduti: troppo spesso ci accorgiamo tardi di dovere mantenere elevato il bisogno di altro una volta chiusi i lavori;
  • Applicati su un progetto che sei in grado di completare in una settimana e che veramente vorresti fare, ma che hai procrastinato pensando ti assorbisse troppo per farlo;
  • Elimina 5 blog dai tuoi feed che non sono più efficaci: aggiungine altri 5 che possono aiutarti ad aumentare le probabilità per un business di successo.

 

[Fonte: “How to Work ON Your Business, Not IN it“]

P.S. A chi interessano anche suggerimenti meno concreti, ma più ispirati (a me molta roba appare comunque fuffa) giusto perché pronunciati da uno come Tom Peters, c’è anche questo interessante papirello.

Ultima modifica: 2009-11-24T14:22:12+00:00 Autore: Dario Banfi

0 commenti su “Accorgimenti anticrisi per freelance”

Lascia un commento