ABC dell’employer branding

Un video di Think Communication sul tema. A parte la definizione sbagliata di “talento” fornita da Stefano Epifani (ma parzialmente recuperata da Luigi Mazzotta di Poste Italiane che tra le righe parla di performance e potenziale..), il resto del documento è una sintesi semplice semplice di che cosa vogliano dire questa parolaccia e altri termini inglesi.

Ultima modifica: 2008-06-09T13:05:12+02:00 Autore: Dario Banfi

6 commenti su “ABC dell’employer branding”

  1. A dire il vero io non direi che il tutto è semplice semplice, abbiamo intervistato i migliore dei settori!
    e poi vorrei sapere perchè non è giusta la definizione di talento di stefano epifani… Ha lei una definzione standard? un assioma che definisca il concetto di talento? a mio modesto parere è abbastanza giusto che il talento si debba differenziarsi ( e quindi il superamento) dalla risorsa umana semplice… è il talento che da un vantaggio competitivo all’azienda! non crede?

    Rispondi
  2. @ Makemarketing – “Semplice” nel senso che semplifica un tema complicato. E’ un pregio non un difetto.
    La definizione è sbagliata perché il talento non è ciò che fa “durare la risorsa..” di questo si occupa la formazione continua non il talent management, che guarda a parametri come il potenziale o le performance. Maggiori info nella categoria “talenti” di questo blog :-) …x esempio qui
    @ Michele Melis – sì, sì.. sono convinto sia una parolaccia, ovvero una brutta parola, employer branding, non talento, che invece è molto bella.. è una questione estetica. per esempio non mi piacciono neppure “talentism”, “rewarding” a altri inglesismi simili usati in Italia nel lessico delle risorse umane..

    Rispondi
  3. Sarebbe interessante conoscere le motivazioni per cui si definisce sbagliato ( -_-‘ ) il concetto di talento da parte del prof. Epifani, e soprattutto perchè si definisca “parolaccia” l’employer branding..

    Rispondi
  4. o forse ci si riferisce a talento con “parolaccia”?
    la provertà di argomentazione non aiuta… sono graditi chiarimenti.

    Rispondi
  5. Epifani non fa alcun riferimento al fatto che il talento faccia “durare la risorsa”, sostiene al contrario che il concetto di talento con l’employer branding sia un superamento della concezione delle persone come risorse

    Rispondi
  6. il commento precedente è incompleto, intendevo aggiungere:
    che in quanto tali “si consumano”, mi sembra traspaia bene dalla clip che abbiamo inserito nel video.

    Rispondi

Lascia un commento

Attenzione: non si fornisce consulenza business (a gratis)!
P.S. Non ci provare: il tuo commento finirebbe nel cestino :-)