Quando la malattia diventa un privilegio

D. Ciao, sono uscito ora.
A. Ah, caspita, tre ore dopo… Come è andata?
B. Niente, una – aspetta che leggo – “distrazione spalla destra”..
A. E allora?
D. Mi hanno fatto un siringone di antidolorifico e detto di prendere bustine di qualcosa, non-so-cosa, per 4-5 giorni.. Tenere ghiaccio tutto il giorno sulla spalla: come diavolo faccio? Oggi ho due consegne. E poi dove lo prendo?
A. Beh, chiedi al bar, dal tuo amico Omar.
D. Sì, è vero. Ah, dimenticavo. Mi ha suggerito di non fare nulla, riposo assoluto, magari usando un foulard per tenere il braccio piegato.
A. E come fai?
D. Boh. Pensa, mi ha suggerito calorosamente di prendere anche 4-5 giorni di malattia..
A. Ahhh aha ahhhh…
D. Ahh aha ahaha ahhh..
[La telefonata si chiude così, con il buonumore]

Ultima modifica: 2009-10-26T09:44:55+01:00 Autore: Dario Banfi

2 commenti su “Quando la malattia diventa un privilegio”

Lascia un commento

Attenzione: non si fornisce consulenza business (a gratis)!
P.S. Non ci provare: il tuo commento finirebbe nel cestino :-)