Il Sole 18 Ore (-25%)

Vi hanno mai tagliato lo stipendio del 25% senza preavviso? Beh, pensateci. Potrebbe capitare anche a voi, alla faccia di ogni forma di negoziazione (prima forma di rispetto del lavoro). A me è capitato. Questa è l’elegante lettera del Sole 24 Ore con cui si annuncia che verranno decurtati i compensi ai collaboratori: sono loro a doversi fare carico della crisi in editoria. Per il resto condivido le tre valutazioni di Nicola Mattina.

Taglio ai compensi dei collaboratori del Sole 24 Ore

Ultima modifica: 2009-01-20T16:47:21+01:00 Autore: Dario Banfi

5 commenti su “Il Sole 18 Ore (-25%)”

  1. Ciao Dario, ben tornato nella blog sfera…

    forse tu mi puoi aiutare a chiarire una cosa accaduta ad una collega di mio fratello.

    Questa collega, incinta di due gemelli, ha avuto una serie di complicazioni durante la gravidanza, per cui è stato necessario un ricovero in ospedale. Essendo a rischio è dovuta rimanere in ospedale per un paio di mesi. (I piccoli sono nati ieri e stanno bene) Ebbene dopo il primo mese l’amara sorpresa, lo stipendio le è stato dimezzato. Il motivo è il seguente l’Inps, visto che la ragazza ha avuto vitto e alloggio gratuito in Ospedale, le decurta la busta paga del 60%.
    Io di questa cosa non ne ho sentito parlare, e la trovo scandalosa

    Rispondi
  2. Ciao Micaela. Mi suona molto strano. Non ti so rispondere. E’ un quesito da consulente del lavoro. L’unica cosa che mi viene in mente è che per la maternità, in generale, non quelle a rischio, esiste comunque una decurtazione dello stipendio che arriva fino al 30% dopo il sesto mese (per i primi 5 mesi di assenza si percepisce uno stipendio comunque dell’80-90%), pur mantenendo il posto di lavoro. Quello del ricovero deve essere un caso specifico, ma onestamente è la prima volta che lo sento.

    Rispondi
  3. sarebbe bello decidere di interrompere la collaborazione, magari mandando una lettera in cui in modo unilaterale si sostiene che per rimanere collaboratori di qualità e indipendenti si sarebbe reso necessario, con spirito costruttivo, produrre altrove o sospendere la propria produzione.

    Rispondi
  4. Avevo letto la notizia e non mi ha sorpreso.
    Tuttavia, ancora a distanza di anni, mi sfuggono alcuni dettagli relativi all’origine della crisi dell’editoria. Non capisco, ad esempio, perché si debbano distribuire con un giornale oggetti (gadget e allegati vari, sino ai bundle) che magari risulteranno interesanti ma contribuiscono (quasi sempre direttamente) a fare lievitare i costi. Non capisco – con immenso rispetto per i collaboratori – perché oggi molti giornali non li facciano più i giornalisti ma i collaboratori, pagati due euro per poter destinare il budget alla “firma” nota che, purtroppo, spesso è soltanto capace di gestire i suoi rapporti interpersonali e rubacchia idee e articoli a colleghi più capaci (nessun problema, in privato, a fare nomi e cognomi) ma meno abili nel promuovere sé stessi. Non capisco, infine, cosa si intenda per “crisi” dell’editoria: i buoni giornali, quelli che danno il giusto valore al contenuto e all’idea continuano a essere venduti, quello che si vende meno, nella contingenza del momento, è la pubblicità. Ma gli editori, per loro missione, fanno i giornali o la raccolta?
    Riflettiamo insieme.
    Tutta la mia solidarietà, in bocca al lupo.

    Rispondi

Lascia un commento

Attenzione: non si fornisce consulenza business (a gratis)!
P.S. Non ci provare: il tuo commento finirebbe nel cestino :-)